201610.18
0

Il trattamento dei dati di localizzazione per finalità di rilevazione delle presenze

Con provvedimento dell’8 settembre 2016 (doc. web n. 5497522), pubblicato nella newsletter del 10 ottobre 2016, il Garante per la protezione dei dati personali, esaminando un interpello formulato da una società di somministrazione ai sensi dell’art. 17 del Codice, ha stabilito alcuni principi in materia di trattamento dei dati di localizzazione con specifico riferimento alla finalità di rilevazione delle presenze, richiamando alcune considerazioni già esposte in altri precedenti provvedimenti inerenti …

201610.18
0

Il trattamento dei dati di localizzazione per finalità di rilevazione delle presenze

Con provvedimento dell’8 settembre 2016 (doc. web n. 5497522), pubblicato nella newsletter del 10 ottobre 2016, il Garante per la protezione dei dati personali, esaminando un interpello formulato da una società di somministrazione ai sensi dell’art. 17 del Codice, ha stabilito alcuni principi in materia di trattamento dei dati di localizzazione con specifico riferimento alla finalità di rilevazione delle presenze, richiamando alcune considerazioni già esposte in altri precedenti provvedimenti inerenti …

201610.06
0

Per le operazioni “simulate” non è applicabile l`abuso del diritto; resta reato

La Corte di cassazione, sezione terza penale, con la sentenza n. 41755 depositata il 5 ottobre 2016, ha fornito una nuova interpretazione sull`abuso del diritto.

Ricordando che le operazioni abusive non danno luogo a fatti punibili dalle leggi tributarie, si definisce elusiva, e quindi penalmente irrilevante, solo un`operazione che, seppur mirata ad ottenere un vantaggio tributario, è caratterizzata da una reale funzione economica sociale meritevole di tutela per l`ordinamento.

Nel caso invece di un`operazione meramente simulata, come quella analizzata dalla sentenza n. 41755, non si è in presenza di un abuso del diritto ma di una vera e propria macchinazione, priva di sostanza economica con lo scopo di raggiungere un indebito vantaggio fiscale anche per mezzo di strumenti negoziali collegati fra loro.

Pertanto, non trovando applicazione il nuovo art. 10 bis della legge 212/2000 (abuso del diritto) nelle condotte illecite fraudolente o simulatorie, il fenomeno abusivo si deve iscrivere solo nelle condotte lecite, con il rischio quindi che vengano considerate abusive condotte che hanno delle giustificazioni e pertanto lecite anche sotto il profilo fiscale, e che vengano ritenute simulate operazioni che in passato venivano considerate abusive od elusive.

Fonte: sentenza della Corte di cassazione n. 41755/2016 sezione terza penale del 5 ottobre 2016.

201610.05
0

Giudice garante dell’affidabilità scientifica in un giudizio sulla responsabilità medica

Con la sentenza del 22 marzo 2016 la IV sezione della Cassazione penale è tornata a interrogarsi sul ruolo del giudice di merito nell’attuale contesto, in cui la specializzazione dei saperi rende impraticabile che questi si sostituisca ai periti tutte le volte in cui siano necessarie approfondite conoscenze tecnico-scientifiche.

201610.05
0

Giudice garante dell’affidabilità scientifica in un giudizio sulla responsabilità medica

Con la sentenza del 22 marzo 2016 la IV sezione della Cassazione penale è tornata a interrogarsi sul ruolo del giudice di merito nell’attuale contesto, in cui la specializzazione dei saperi rende impraticabile che questi si sostituisca ai periti tutte le volte in cui siano necessarie approfondite conoscenze tecnico-scientifiche.