201706.19
0

Il bene pignorato non è del custode anche se è lui a incassare la pigione

L’immobile è affidato a un terzo affinché ne curi la conservazione e l’amministrazione ordinaria. Questi sono gli unici poteri dell’incaricato, nessuna conseguenza sul diritto di proprietà.
Il proprietario di un immobile pignorato ha l’obbligo di dichiarare i relativi canoni di locazione anche nel caso in cui sia stato nominato un custode che percepisce gli affitti.

La Commissione tributaria provinciale di Cremona, con la sentenza 27/2017, richiamando altre pronunce della Corte di cassazione, ha affermato che, in caso di pignoramento, l’onere tributario grava sempre sul proprietario, in quanto tale reddito concorre al soddisfacimento dei debiti.

201706.19
0

Riforma del processo penale: sul sito del Ministero della Giustizia la scheda del disegno di legge approvato il 14 giugno

Il 14 giugno scorso, con 320 sì, 149 no ed un astenuto, è stata approvata in via definitiva la Riforma del processo penale che introduce importanti modifiche nell’ordinamento penale.

Il Ministero della Giustizia ha pubblicato sul proprio sito internet una scheda informativa sulla riforma, che vede, tra i contenuti principali:

Estinzione del reato per condotte riparatorie;
Gli inasprimenti sanzionatori;
La riforma della disciplina della prescrizione;
Delega al Governo in materia di regime di procedibilità per taluni reati, di revisione delle misure di sicurezza e del casellario giudiziale;
Disposizioni processuali;
Modifiche in materia di riti speciali;
Struttura della sentenza;
Riforma delle impugnazioni;
Il giudizio di cassazione;
Accanto alle norme precettive in materia di impugnazioni, previsti criteri di delega;
Modifiche alla normativa di organizzazione dell’ufficio del pubblico ministero;
Udienza a distanza;
Delega al Governo per la riforma del processo penale;
Intercettazioni;
Delega per la riforma dell’ordinamento penitenziario.

Clicca qui per accedere alla scheda.

201706.19
0

Part-time e divieto a svolgere altre attività lavorative

Corte di Cassazione, Sentenza 25 maggio 2017 n. 13196.

La Corte di Cassazione ha affermato la illegittimità di un licenziamento per giusta causa di un lavoratore a part-time che contravveniva al Regolamento aziendale che prevedeva il divieto assoluto di svolgere un’altra attività lavorativa.
I giudici della Suprema Corte hanno evidenziato la nullità della clausola prevista nel Regolamento aziendale, in quanto detta clausola riconosce, in capo al datore di lavoro, un potere unilateralmente di risoluzione del rapporto di lavoro limitando il diritto del lavoratore, in regime di part-time, a svolgere un’altra attività lavorativa.

201706.19
0

Termini per il deposito del ricorso: il fischio di fine partita

di Stefano Loconte e Irene Barbieri – Studio Legale e Tributario Loconte & Partners
E’ con la sentenza a Sezioni unite del 29 maggio 2017, la n. 13452
che gli Ermellini sembrano aver definitivamente chiuso, anche per il comparto tributario, la partita sui termini per il deposito del ricorso. Non c’è più alcun dubbio: in caso di notifica del ricorso a mezzo posta, i trenta giorni dettati dal Legislatore per la costituzione in giudizio decorrono non dalla data di spedizione dell’atto, bensì …

201706.19
0

Novità interpretative sulla natura omnicomprensiva dell’indennità di cui all’art. 32, L. n. 183/2010

Commento a cura degli avv.ti Marina Olgiati e Sara Lovecchio, Trifirò & Partners Avvocati
(Tribunale di Milano, 8 giugno 2017, n. 1101 – il testo è disponibile in Plus Plus 24 Diritto)
La vicenda decisa dalla sentenza in epigrafe riguarda un caso di impugnazione di un contratto a termine, rispetto al quale, nell’ambito di diversi giudizi, sono state emesse decisioni di segno contrastante.
Infatti, una prima decisione del Tribunale aveva accertato la nullità del termine, disposto la riammissione …

201706.19
0

Il reato di contraffazione richiede la semplice imitazione idonea a trarre in inganno»

Il reato di contraffazione è configurabile con la semplice imitazione del marchio, anche se non registrato o riconosciuto, se l’imitazione è idonea a trarre in inganno gli acquirenti. Gli interessi tutelati dalle norme di diritto pubblico (penali, tributarie e amministrative) sono differenti rispetto alla tutela posta a presidio degli interessi dei produttori in ambito civile.
Decisione: Sentenza n. 27961/2017 Cassazione Penale – Sezione III
Il caso.
Il Tribunale del Riesame rigettava la richiesta …

201706.19
0

Trifirò & Parteners assiste Isgrò sull’album di Roger Waters

Troppo simili, sia nel singolo tratto, sia nella loro immagine complessiva. Il giudice Silvia Giani del Tribunale di Milano ha dato ragione alla tesi sostenuta dagli avvocati Salvatore Trifirò e Francesco Autelitano, dello Studio legale Trifirò & Partners, e ha imposto a Sony Italia in via cautelare di sospendere le vendite dell’ultimo album di Roger Waters, il celeberrimo ex Pink Floyd, intitolato “Is This the Life we Really Want?”. La copertina del disco, infatti, così come il libretto illustrativo, …